SINDACATO ULS |
Unione Lavoratori Sanità | 06 92915408 – Fax: 06 21121425 uls@sindacatouls.it

ULS Sindacato Unione Lavoratori Sanità

Condividi
Condividi

Senza alcuna comunicazione ufficiale ai Lavoratori, anche quest’anno, l’ospedale San Carlo di Nancy GVM Care & Research, accreditato con il SSR, non ha erogato nel giorno previsto dal CCNL (il 16 dicembre) la tredicesima al personale -affermano in una nota dal Direttivo Roma e Lazio ULS Unione Lavoratori Sanità. Abbiamo inviato una nota decisa all’amministrazione del nosocomio romano -prosegue Anna Rita Amato RSA ULS e membro del Direttivo- per stigmatizzare l’accaduto e sollecitare il pagamento delle spettanze ai Lavoratori che a ieri sera ancora non risultavano. La nostra organizzazione, vista l’indifferenza datoriale, è in stato di agitazione da mesi nella…

Condividi

Rimaniamo delusi e ci indigniamo per l’ennesimo ricorso al precariato istituzionale nel Bando del Commissario Arcuri volto al reclutamento di 3mila Medici e 12mila Infermieri in vista del piano di vaccinazione anti COVID in tutta Italia -affermano in una nota dal Direttivo Nazionale ULS Unione Lavoratori Sanità. Non bastava la quota di 9 miliardi di euro destinata nel Recovery Plan alla Sanità, non sono stati sufficienti gli oltre 80mila contagiati tra gli operatori sanitari molti dei quali assunti a tempo determinato. Si continua sulla strada chiusa del precariato rivolgendosi alle Agenzie per il Lavoro attraverso un accordo quadro che dovrà…

Condividi

Purtroppo quest’anno gli Infermieri e gli altri operatori sanitari del comparto, a cui si applica il CCNL Sanità Privata appena rinnovato da Aiop Aris e Cgil Cisl Uil Ugl, troveranno una brutta sorpresa quando sarà erogata la tredicesima prima di Natale. Sarà più leggera, essendo cambiato il divisore utile a calcolare l’importo della stessa in busta paga– dichiarano dal Direttivo Nazionale ULS Unione Lavoratori Sanità Anna Rita Amato e Antonino Gentile-. Infatti fino ad ottobre scorso con il precedente contratto il modo di calcolarla era quello simile a quasi tutti i contratti nazionali di lavoro prevedendo che il tabellare annuo…

Condividi

Il mondo degli operatori sanitari impegnati nell’emergenza COVID-19 si è accorto delle mancette inserite nelle misure per la Sanità nel testo della Legge di Bilancio e, comprensibilmente, ne è rimasto deluso. La delusione è forte soprattutto per quanto riguarda gli Infermieri del SSN, tra le cui fila continuano ad aumentare contagi e decessi, i quali dovrebbero vedersi riconosciuta un’indennità specifica dal 1 gennaio 2021 che equivarrebbe ad un buon caffè caldo (o freddo in base alla stagione) al giorno– dichiarano dal Direttivo Nazionale ULS Unione Lavoratori Sanità Anna Rita Amato e Antonino Gentile. Lo stanziamento di 335 milioni di euro…

1 2 3 20