SINDACATO ULS |
Unione Lavoratori Sanità | 06 92915408 – Fax: 06 21121425 uls@sindacatouls.it

Cercando: Area Stampa

Esprimiamo forte preoccupazione nell’apprendere che l’attuale Governo Draghi non intende stanziare le risorse economiche necessarie per l’ INPS atte a garantire l’indennità previdenziale di malattia in caso di quarantena fiduciaria Covid ai Lavoratori interessati nel 2021- affermano Anna Rita Amato e Antonino Gentile del Direttivo Nazionale ULS Unione Lavoratori Sanità-. Le tutele del Cura Italia introdotte nel 2020 dal Governo Conte non sono state previste per l’anno in corso in quanto non sono stati stanziati i fondi appositi per le quarantene dei Lavoratori. Così facendo l’ INPS, con il messaggio 6 agosto 2021 n. 2842, conferma di  essere impossibilitata a…

La morte del sindacalista del Si Cobas in lotta a Biandrate per il posto di lavoro è di una gravità inaudita e umanamente inaccettabile. Il diritto di manifestare per il lavoro non può prevedere alcuna intimidazione né tantomeno la morte. Tutte le sigle sindacali di ogni settore si uniscano e si proclami lo Sciopero Generale – dichiarano dal Direttivo Nazionale ULS Unione Lavoratori Sanità-. Adil Belakhdim, coordinatore interregionale del sindacato Si Cobas di 37 anni, due figli adolescenti, è morto questa mattina investito da un camion nel corso di una manifestazione dei lavoratori nell’area logistica di Biandrate, a pochi chilometri…

Gli ultimi episodi di violenza verso i sanitari di tutta Italia, medici e infermieri, sono il frutto dal gusto amaro del disinteresse su più fronti, politica e sindacati, nei riguardi di chi ha scelto come lavoro di curare e assistere i malati – dichiarano dal Direttivo Nazionale ULS Unione Lavoratori Sanità-. L’inutilità della Legge 113/2020, come da noi preannunciato nonostante i trionfalismi di altri, è l’ennesima pezza calda sulla malattia che si sta diffondendo nelle corsie degli ospedali e nei servizi di emergenza-urgenza – aggiungono Anna Rita Amato e Antonino Gentile del Direttivo Nazionale ULS- . Sebbene non siano accettabili…

Per la seconda volta la Festa dei Lavoratori si svolgerà durante l’emergenza sanitaria e anche quest’anno gli operatori sanitari svolgeranno il proprio lavoro, come sempre rispondendo ai bisogni di cura e assistenza delle persone, uniti solo dalla precarietà, dalla mancanza di tutele, dall’ incessante attacco ai diritti o dalla pericolosa privatizzazione che sempre più si fa largo nel Servizio Sanitario Nazionale -affermano in una nota dal Direttivo Nazionale ULS- Unione Lavoratori Sanità. Da oggi vorremmo invitare i Lavoratori e i disoccupati a riflettere sull’ importanza della Sanità per quanto sta accadendo e per il futuro, vista la crisi economica in…

Come Organizzazione sindacale autonoma e di base, neutra su preconcetti ideologici riguardo i vaccini, esprimiamo una sera preoccupazione in quanto stiamo ricevendo molte segnalazioni riguardo al clima instauratosi sui posti di lavoro e tra i cittadini per la campagna mediatica instaurata contro gli operatori sanitari non vaccinati, definiti “untori” e contro i quali si minacciano provvedimenti draconiani -affermano in una nota dal Direttivo Nazionale ULS- Unione Lavoratori Sanità. L’attuale Governo Draghi vorrebbe licenziare un decreto -proseguono Anna Rita Amato e Antonino Gentile del Direttivo ULS- che imponga ex lege l’obbligo vaccinale a tutto il personale sanitario. Ciò è quanto previsto…

Nel decreto Milleproroghe, approvato con l’ennesima fiducia alla Camera, il Governo ha solo pensato alle strutture private accreditate rimborsando il costo di acquisto dei dispositivi di protezione individuale DPI, ponendo per l’ennesima volta i Lavoratori della Sanità privata nella categoria degli Eroi di serie B -affermano in una nota dal Direttivo Nazionale ULS- Unione Lavoratori Sanità. Abbiamo scovato tra gli innumerevoli rivoli del Decreto licenziato qualche giorno fa dalla politica un articolo che prevede che alle strutture sanitarie private accreditate impegnate nell’emergenza COVID-19 siano, oltre i già cospicui Drg Covid, rimborsate le spese sostenute per l’acquisto del materiale di protezione…

Senza alcuna comunicazione ufficiale ai Lavoratori, anche quest’anno, l’ospedale San Carlo di Nancy GVM Care & Research, accreditato con il SSR, non ha erogato nel giorno previsto dal CCNL (il 16 dicembre) la tredicesima al personale -affermano in una nota dal Direttivo Roma e Lazio ULS Unione Lavoratori Sanità. Abbiamo inviato una nota decisa all’amministrazione del nosocomio romano -prosegue Anna Rita Amato RSA ULS e membro del Direttivo- per stigmatizzare l’accaduto e sollecitare il pagamento delle spettanze ai Lavoratori che a ieri sera ancora non risultavano. La nostra organizzazione, vista l’indifferenza datoriale, è in stato di agitazione da mesi nella…

Rimaniamo delusi e ci indigniamo per l’ennesimo ricorso al precariato istituzionale nel Bando del Commissario Arcuri volto al reclutamento di 3mila Medici e 12mila Infermieri in vista del piano di vaccinazione anti COVID in tutta Italia -affermano in una nota dal Direttivo Nazionale ULS Unione Lavoratori Sanità. Non bastava la quota di 9 miliardi di euro destinata nel Recovery Plan alla Sanità, non sono stati sufficienti gli oltre 80mila contagiati tra gli operatori sanitari molti dei quali assunti a tempo determinato. Si continua sulla strada chiusa del precariato rivolgendosi alle Agenzie per il Lavoro attraverso un accordo quadro che dovrà…

Purtroppo quest’anno gli Infermieri e gli altri operatori sanitari del comparto, a cui si applica il CCNL Sanità Privata appena rinnovato da Aiop Aris e Cgil Cisl Uil Ugl, troveranno una brutta sorpresa quando sarà erogata la tredicesima prima di Natale. Sarà più leggera, essendo cambiato il divisore utile a calcolare l’importo della stessa in busta paga– dichiarano dal Direttivo Nazionale ULS Unione Lavoratori Sanità Anna Rita Amato e Antonino Gentile-. Infatti fino ad ottobre scorso con il precedente contratto il modo di calcolarla era quello simile a quasi tutti i contratti nazionali di lavoro prevedendo che il tabellare annuo…

Il mondo degli operatori sanitari impegnati nell’emergenza COVID-19 si è accorto delle mancette inserite nelle misure per la Sanità nel testo della Legge di Bilancio e, comprensibilmente, ne è rimasto deluso. La delusione è forte soprattutto per quanto riguarda gli Infermieri del SSN, tra le cui fila continuano ad aumentare contagi e decessi, i quali dovrebbero vedersi riconosciuta un’indennità specifica dal 1 gennaio 2021 che equivarrebbe ad un buon caffè caldo (o freddo in base alla stagione) al giorno– dichiarano dal Direttivo Nazionale ULS Unione Lavoratori Sanità Anna Rita Amato e Antonino Gentile. Lo stanziamento di 335 milioni di euro…

1 2 3 5