SINDACATO ULS |
Unione Lavoratori Sanità | 06 92915408 – Fax: 06 21121425 uls@sindacatouls.it

Cercando: News

Non ci si dovrebbe mai stancare di leggere, potendola consultare  in uno stato di diritto, la Costituzione della Repubblica Italiana, al cui interno sono diversi gli articoli che riguardano il fenomeno del lavoro; anche se di stampo democratico-liberale, dopo aver riconosciuto il diritto di iniziativa economica, il diritto di proprietà, ne fissa anche però dei limiti con una apertura sul piano sociale, garantendo i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici. Art. 1 “ L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro”. Abbastanza singolare è la storia attraverso la quale si è arrivati a suddetta definizione; durante l’Assemblea Costituente, l’ala “moderata” non avrebbe voluto…

SERVIZI Per gli iscritti al Sindacato ULS numero Whatsapp per invio file: 339 151 0333 Presso i seguenti Centri Servizi le pratiche saranno garantite agli iscritti ULS e ai loro familiari qualora accompagnati/presentati: CENTRO SERVIZI CURBASTRO Via Giovanni Caselli 21Tel. 06 93574341(Zona Trastevere vicino Ospedale San Camillo) CENTRO 2F Via Eugenio Chiesa 47/aTel. 06 87135885(Zona Nuovo Salario) SERVIZI DI ASSISTENZA FISCALE 730/2019 – Singolo/Congiunto €20,00Calcolo Imu/Tasi €5,00Isee – GratuitoUnico PF (senza Partita Iva) €50,00Red – GratuitoIcric – GratuitoIclav – GratuitoSuccessioni – a partire da €300,00 – Tasse escluse (Elaborazione Modello e Presentazione Agenzia delle Entrate di competenza sul territorio di…

Nel 2014 venne messo un freno alla possibilità da parte dei lavoratori a ricorrere in giudizio contro il datore di lavoro in quanto, in caso di causa non vinta, il rischio di esborso economico era a carico del soccombente (quindi anche del lavoratore). Adesso la Suprema Corte ha deciso di dichiarare illegittimo l’art. 92 del codice di procedura civile, mutando e ampliando in tal senso i diritti di ogni lavoratore a  poter far causa al padrone senza correre il rischio di dover pagare di tasca propria. Il principio espresso è condivisibile e corretto: il lavoratore deve avere la possibilità di…

La Commissione per gli interpelli in materia di salute e sicurezza del Ministero del Lavoro, con interpello n. 2 del 5 aprile 2018, ha fornito, alla Regione Lazio, un parere in merito  alla corretta interpretazione dell’articolo 39, comma 3, del decreto legislativo n. 81/2008, il quale dispone che: “Il dipendente di una struttura pubblica, assegnato agli uffici che svolgono attività di vigilanza, non può prestare, ad alcun titolo e in alcuna parte del territorio nazionale, attività di medico competente”. In particolare l’Ente chiede di conoscere “se tale disposizione è da intendersi rivolta a tutte le strutture del Dipartimento di prevenzione delle aziende…

La normativa del Polo Unico Inps per le visite fiscali, previsto dal decreto legislativo 75/2017, si applica al controllo sugli eventi di malattia comune  dei lavoratori del settore pubblico e non riguarda in alcun modo le altre eventuali casistiche di assenza (per esempio infortunio, malattia del figlio, interdizione anticipata per gravidanza, inidoneità temporanea a mansione accertata dalle commissioni competenti ecc.). Questo è uno dei chiarimenti contenuti nel messaggio Inps n. 1399 del 29 marzo, riepilogativo dello stato dell’arte della intera disciplina.

Quando fu sottoscritta l’ipotesi di rinnovo del CCNL della sanità pubblica il 23 febbraio scorso fu l’atto finale di un calvario, quasi un gesto schizofrenico, che da un lato comprimeva diritti e salari e dall’altro veniva pubblicizzato come il risultato di trattative e azioni sindacali. Purtroppo non si sono rimesse in discussione le cronicità della sanità legate alla carenza di personale e alla esternalizzazione dei servizi. Nell’intesa tra Governo e parti sociali, siglata il 30.11.2016, il confronto avrebbe dovuto qualificare: Un nuovo e migliore sistema di relazioni sindacali Criteri nuovi di valutazione e valorizzazione dei lavoratori della sanità pubblica…

I conti sul disavanzo sostanziale della Regione Lazio fanno spavento. Si arriva quasi a 9,7 miliardi di euro per la Regione Lazio, i cui cittadini sono tartassati dall’addizionale Irpef regionale più alta rispetto alle altre regioni. Per quanto riguarda l’addizionale regionale Irpef, ad esempio per un reddito di 24mila euro, il Lazio guida la classifica del 2018 con il 2,73 Il motivo di tutta questa pressione fiscale che pesa sul portafoglio e le buste paga dei cittadini sono 10 anni di commissariamento della Sanità che, partito nel lontano 2008, dovrebbe terminare il 31 dicembre 2018. Quindi a partire dal 2019…

STATUTO   Art.1 (costituzione, denominazione, simbolo, sede) È costituita l’Unione Lavoratori Sanità (di seguito U.L.S.) Sindacato Autonomo di base retto dalle leggi e dai regolamenti in vigore e dalle disposizioni del presente Statuto. L’U.L.S. è autonoma, libera, democratica ed apartitica, essa è strutturata in forma democratica e garantisce a tutti i suoi iscritti il pluralismo di opinioni, senza alcuna forma di discriminazione riguardo, in particolare, al sesso, alla razza e all’opinione politica. Possono essere iscritti a livello nazionale le lavoratrici e i lavoratori dipendenti, parasubordinati e autonomi, con qualsiasi tipologia di contratto in servizio presso Aziende o Enti Privati e…

1 4 5 6