SINDACATO ULS |
Unione Lavoratori Sanità | 06 92915408 – Fax: 06 21121425 uls@sindacatouls.it

Cercando: News

L’8 ottobre scorso è stato rinnovato il CCNL della Sanità Privata personale non medico, già scaduto, tra le associazioni datoriali Aiop Aris e i sindacati confederali Cgil Cisl Uil, una stipula attesa da tanti anni per un contratto che dovrà regolare i rapporti di lavoro di oltre 100mila Lavoratori. Per i tanti curiosi che ci stanno contattando sulla tematica degli arretrati ribadiamo che NON ESISTONO ARRETRATI RETRIBUTIVI ma solo un contributo/elemosina di 1000 euro UNA TANTUM (in due rate), come ristoro del DISAGIO degli anni trascorsi. Infermieri, Oss, Tecnici e amministrativi avranno a disposizione per un futuro indeterminato, essendo il…

Se c’era qualcosa di cui far tesoro dalla pandemia da Covid-19 è l’importanza della Sanità pubblica la quale rimane ancora impegnata a garantire il diritto di Salute a tutti i cittadini in questa fase di riapertura. Non meno importante, anche se con servizi e prestazioni diversificate volte più che altro alla massimizzazione del guadagno, riveste un ruolo rilevante la Sanità privata accreditata che eroga assistenza al pari del pubblico, sia per mezzo di soggetti senza scopo di lucro sia ai fini commerciali, come venne emanato dal D.Lgs 229/99. Proprio questi soggetti privati che svolgono attività ai fini commerciali, quindi per…

In relazione al prossimo sciopero indetto dalle sigle confederali per il rinnovo del CCNL Sanità Privata nella giornata del 16 settembre indichiamo alcune nostre osservazioni a riguardo. Riteniamo VERGOGNOSO che i nostri colleghi (non “questi lavoratori” come molto spesso si sente dire) stiano aspettando da 14 anni il rinnovo della parte normativa ma soprattutto di quella ECONOMICA continuando a prestare servizio in turni massacranti e in condizioni di lavoro disumane al solo fine di far aumentare i fatturati dei padroni. E’ fuori da ogni discussione il pieno DIRITTO all’aumento del SALARIO e dei DIRITTI nelle strutture ove lavorano. E’ altrettanto fuori…

Alle ore 7 di questa mattina i turni di lavoro di settembre per gli Infermieri e gli altri operatori sanitari del comparto dell’Ospedale San Carlo di Nancy non sono stati comunicati ancora dall’ amministrazione ai Lavoratori, ennesimo ritardo che crea non poco disagio e aumenta lo stress di chi ha diritto di programmarsi la propria vita extra lavorativa . Come dichiarato a febbraio da Papa Francesco al Presidente GVM Care & Research Ettore Sansavini “Il malato non è un numero: è una persona che ha bisogno di umanità” desideriamo aggiungere come Sindacato che anche le Lavoratrici e i Lavoratori non sono…

E’ arrivata l’ora di cambiare rotta sul concetto di Sanità, in special modo sull’operazione messa in campo per un rinnovo di contratto nazionale di lavoro della Sanità Privata che si trascina da anni con diplopie da parte delle parte datoriali Aiop Aris e delle organizzazioni sindacali confederali–dichiarano dal Direttivo Nazionale ULS Unione Lavoratori Sanità Anna Rita Amato e Antonino Gentile. All’attuale Governo non è bastata l’emergenza Covid-19 come esempio funzionale per rimediare ai danni economici che una Sanità non del tutto universalistica può arrecare al Sistema Paese quando i tagli lineari nel SSN effettuati nel passato hanno permesso l’espandersi della…

Nel cosiddetto Decreto Rilancio, decreto legge n. 34 “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” pubblicato in Gazzetta Ufficiale, è stato creato con legge di Stato l’Infermiere di famiglia. Figura importantissima e, permetteteci, necessaria da tempo. Cosa dovrà fare questa nuova figura sanitaria? Niente meno ce lo dice il decreto medesimo all’articolo 1, comma 5: “Al fine di rafforzare i servizi infermieristici, con l’introduzione altresì dell’infermiere di famiglia o di comunità, per potenziare la presa in carico sul territorio dei soggetti infettati da SARS-CoV-2 identificati COVID-19, anche…

La nuova turnazione imposta unilateralmente agli Infermieri dall’azienda a fine giugno è inaccettabile e comporta doppie notti, riposi lavorati , debito orario da turno e da recuperare. Gli operatori sanitari, già stressati dall’emergenza Covid-19, si sono visti da luglio ulteriormente diminuire nei numeri rispetto alle esigenze di assistenza verso i pazienti a causa di una scelta datoriale sorda verso le problematiche dei Lavoratori turnisti H24. L’ ospedale del gruppo GVM Care & Research dopo cinque anni dal trasferimento di azienda dell’ex Gruppo IDI Sanità ha visto una costante fuoriuscita di personale, in ultima parte quello legato al concorso per Infermieri del Sant’Andrea,…

La scrivente O.S. ULS Unione Lavoratori Sanità, appreso che il 10 giugno u.s. è stata sottoscritta da Aiop-Aris e Cgil Cisl Uil la preintesa sul contratto del personale non medico della Sanità Privata, vuole rappresentare lo sdegno delle Lavoratrici e dei Lavoratori nel constatare che gli arretrati di tanti anni di mancato rinnovo contrattuale ammontano a soli 1000 euro in modalità una tantum. Un rinnovo atteso da 14 anni da circa 100 mila Lavoratori della sanità privata accreditata, pagata per tramite le Regioni attraverso denaro pubblico, vede corrispondere una cifra irrisoria a Infermieri, Tecnici, OSS e il restante personale, indistintamente…

Infermieri, Infermieri Pediatrici, Ostetriche/i, OSS, Soccorritori e Professioni Sanitarie messi a dura prova dal Covid-19 e per la disumanità delle aziende. Parla Antonino Gentile (segretario generale ULS). Dopo aver dato spazio ai segretari generali e dirigenti di FP CISL (Maurizio Petriccioli), Uil Fpl (Michelangelo Librandi), FSI-USAE (Adamo Bonazzi), Nursing Up (Antonio De Palma), SHC OSS (Antonio Squarcella), FP Cgil (Serena Sorrentino), ora parliamo dei problemi degli operatori del SSN intra e post-Covid con il segretario generale dell’Unione Lavoratori Sanità (ULS), Antonino Gentile, qui in alto nella foto con il coordinatore nazionale ULS Anna Rita Amato. Vediamo cosa ci ha risposto. Il Coronavirus ha messo in ginocchio l’intero Comparto Sanità. Da tempo la…

Il nuovo testo del Ddl Aggressioni approvato oggi alla Camera non rispecchia il mondo reale di chi tutti i giorni lavora nella Sanità di questo paese –dichiarano dal Direttivo Nazionale ULS-Unione Lavoratori Sanità-. Oltre alla non concessione dello status di pubblico ufficiale e alla non procedibilità d’ufficio, grazie all’ennesimo emendamento, si è rimosso l’obbligo per le aziende sanitarie, per le pubbliche amministrazioni e per le strutture e servizi sanitari, socio-sanitari e sociali pubblici, privati o del privato sociale, di costituirsi parte civile nei processi di aggressione nei confronti dei propri esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni.…

1 2 3 7